Navigare Facile

Storia

Dai Romani al Belgio

Liegi era abitata già nel periodo romano.
Tuttavia un primo documento che attesta la presenza di un centro abitato in quell'area risale al 558, quando la cittadina era chiamata Vicus Leudicus.
Nel 705 la città venne cristianizzata grazie alla predicazione di San Lamberto di Maastricht il quale però fu ucciso e fu pertanto considerato un martire.

Proprio per conservare la salma del povero Lamberto, Sant'Uberto di Tongeren, suo successore, fece costruire una basilica che divenne il centro della nuova Liegi.
Nel 985 si diede vita al Principato Vescovile, che durò ben 8 secoli.
Numerosi vescovi regnarono sul territorio, favorendo lo sviluppo della cultura universitaria e delle arti.
Nel 1684 era stata creata una sorta di Costituzione, il Regolamento, che limitava i poteri politici al Terzo Stato, che era rappresentato dal ceto medio.

Il vescovo de Velbruck, che regnò dal 1772 al 1784 aveva abbracciato le nuove idee dell'illuminismo ed aveva anche  fondato la Società di Emulazione, che incentivava lo sviluppo delle arti, delle scienze e della letteratura. Il suo successore, de Hoensbroeck, non continuò sulla stessa linea di apertura ma anzi si rivelò antireazionario e conservatore causando il malessere della popolazione.
Un fatto che avvenne nel 1787 fu la goccia che fece traboccare il vaso secondo il punto di vista popolo: venne fatta chiudere, da parte dello stesso de Hoensbroeck, una casa da gioco presso la cittadina di Spa senza chiedere il parere di nobili e borghesi.
Da allora il partito democratico divenne sempre più ardito sostenendo con forza l'opposizione al potere episcopale.
Ispirati poco dopo dalla rivoluzione francese, che culminò il 4 agosto 1789 con la Presa della Bastiglia , il 18 agosto avvenne un colpo di stato in cui un gruppo di militanti constrinsero alle dimissioni il magistrato in carica, imponendo due loro capi.
Poco dopo, il vescovo fu costretto a disconoscere il Regolamento del 1684.
Liegi venne annessa alla Francia e dal 1815 all'Olanda per passare infine al Belgio.